L’associazione quest’anno ha utilizzato la fantasia per collegarsi alla realtà e la vita attraverso: La favola come insegnamento di vita.

Lo spettacolo si divide in due parti una fatto con i ragazzi di età da 5 a 10 anni e l’altro da ragazzi di età dagli 11 ai 15 anni.

Nella parte fatta dai ragazzi più piccoli la forza e data dal "Vento" che porta via ricordi e regole fa vedere una vita che porta scompiglio e caos per poi mettersi tutto a posto.

Si e costruito lo spettacolo attraverso tre testi teatrali "C’era una volta... cento favole" "Il regalo del vento tramontano" "La scuola sregolata" collegati insieme dal vento. Nel primo il vento porta via i ricordi, nel secondo dona una scatola magica nel terzo porta via le regole e grazie a lui si dipanano le vicende.

Nello spettacolo che viene rappresentato, il vento mette in comunicazione le tre scene.

Si inizia con "la scuola sregolata" dove in un ipotetica scuola le regole vengono portate via e la scuola va nel caos totale finche queste regole non tornano al loro posto; nel "Il regalo del vento tramontano" un coltivatore va dal mago del vento per chiedergli di non soffiare troppo sul suo campo perche non riesce a coltivare, il mago gli regala una scatola magica che gli da mangiare, ma questa viene presa con l’inganno dal re del paese, si ritrova di nuovo senza cibo e chiede di nuovo aiuto al mago del vento.

Alla fine comprende che non bisogna vergognarsi di chiedere se si ha bisogno, e che non tutti i mali vengono per nuocere. Nella terza "C’era una volta... cento favole" i vari personaggi delle fiabe si incontrano per dare aiuto al principe smemorato, che non ricorda più niente, a trovare la sua principessa mentre il gracidio di una rana continua a chiamare per tutta la scena.

Si conclude con il messaggio di non cercare lontano le cose buone che abbiamo vicino a noi e che anche il verso di una rana parla al nostro cuore se sappiamo ascoltare.

Lo spettacolo dei ragazzi più grandi e accentrato principalmente su l’ambiente e la sua salvaguardia.

Curatrici del percorso dei ragazzi Biscotti Silvana, Barone Erika e Biscotti Lucia.

Curatrici del percorso dei bambini Biscotti Josefhmari e D'Anza Michelina.

Brochure (PDF)

Joomla templates by a4joomla